RES RIVOEVOSOFIA 1.7.2015 “EvolutionEnergyProject” EXPERIENCE DEDICATED TO ALL RES-FRIENDS AND HIS ENERGY-HUNTERS.


English-Italian (Pachamama inca legend-cover)

https://youtu.be/-ZCLLik9rHM Loreena McKennitt- Kecharitomene (Great video and song)

stock-photo-interplay-of-time-symbols-abstract-forms-and-lights-on-the-subject-of-space-time-relativity-74596276EXPERIENCE DEDICATED TO ALL RES-FRIENDS AND HIS ENERGY-HUNTERS.
English text. Title: Everything that you could consider over the experiences, even neurosensory bilocate, mor or less known. Made of rare events of abnormal lived parallel and body double is completely free from a conscious connection qith the physical organism, which absolutely conscious.

Theme: experiences.
1) déjà-vu of double nature-only neurosensory body;
2) parallel random live sensorineural “vpnc” combined with the double body;
3) beaming phenomenon of prof. Zeilinger with teleportation to StarTrek “exceptional experience”.
NB: All energetic experiences vivid and neurosensory real so that you can bring back experiences to all total benfits.

-I have no desire to get up out of bed this morning because I am making many dreams.
-Are vivid dreams as in ordinary life with facts and people known only in the dream but unknown in everyday life.
-The dream brings a very long parallel lived, which does not correspond at all to the ordinary time of what you dreamed.
-Takes place throughout until 11.00 a.m., but in principle it is time of several days and many hours per day.
It’s the size of the original energy where time-space is compressed and we can develop online only by comparison with everyday life. In these cases you should use as the unit of measurement for intensity degrees, only because the other peculiarities of energy are not operational.
-Operational operations are transferred as property and they can quantify the events.

Will avoid carefully to make confusing maneuvers with rules and laws of theoretical physics and quantum mechanics, because in this case they cause only a large mass of “enganglement” with the inevitable darkening of specific knowledge of the facts, which in this specific case, it is very easy to assimilate.

Towards the end of a lucid dream, I was recently climbed on a bus, very nice and big and even with fewer people. The vision was very vivid and all the bus interiors were new and shiny. Metal bars were smooth to the touch and allowed to keep the sockets, but at the same time with a slight modification of the contraction of the hand slipped away.

In essence I was swamped with amplified feelings and pleasant, precisely those feelings that the usual dreams denied, due to the harmful intervention of mind collective system “MCS” which deviates from their real state to be perceptive, to put a huge amount of useless facts at the individual evolution. Always made very absurd and believed in the value of which no one can ever be really conscious.

After enjoying the sensations caused by the bus, I am on the terrace of my current home, but I do not case. From this vantage point I look around and I see a pigeon in the other deck. The pigeon flying and goes towards the upper part of my deck that is covered in solar panels placed obliquely, a fact that often compels me to do the slalom.

Always send far away pigeons because their droppings in the past led me to contract a major illness. However they are pigeons that have taught me how to take the energy-extra from our star, but that’s another story which can be read in another article of the category “Practices”.

While I climb on a steps 15 to go in the area above, I realize that something happened. Normally the scale exceeds the above level, while in this case it does not and I pull up to the force of arms. I estimate that the scale be slipped or have shifted to the strong wind that is often present in this sea area and just as I go out of time. In that long moment without time unfolds a long déjà-vu.

While I climb on a ladder of well 15 steps to go in the area above, I realize that something happened. Normally the scale exceeds the above level, while in this case it does not and I pull up in arms. I think before the scale both slipped or have shifted to the strong wind that often occurs in this area. And while I get that I go out of time. At a time when winds along a deja-vu.

I see the exact same fact happened in a previous event had with my body, sensorineural in full lucidity and highly intense consciousness. A fact that at the time I had forgotten. Even that was an exhilarating experience, where the stairway was moved slightly to the left, while in the present Act was like shorter, but what happened was exactly like up from the start. I see that wonderful fact because energy have to do with the body double neurosensory detached entirely from the organism is always exhilarating and also personally know how to capture the energy, and then later I’ll give it a try.

This long time of deja-vu, then reviewed, resolved and a moment later I climb on the terrace, but while I go get a thrill. The thrill that distinguishes the dreams where he is totally aware that ordinary life, is actually only a staging of another kind of reality. Are in this double deafness and I smile knowing that my physical body is more or less sleeping downstairs in the bed. Right now I’m totally disconnected and activity of consciousness is neurosensoriality by this part where he lives and operates without physical body.

I climb with this body as free as air, cohesive and vivid as ever and everything else is vividly and consistently: the environment, the colors, the things I touch and I see, that I smell the taste of being and existence.

Just above the terrace above, presents a scene of another world. In fact up to that point all was logical and similar to ordinary lives while barely climbed everything becomes different. The inside of the balcony where I climbed with a reality separate from the ordinary context, while the rest, the boundaries, the size, the adjacent structures, the sea and the hills are beautifully in their place, vivid and coherent.

Are therefore within this large roofterrace my well House, 500sqm littered by solar panels. But now I’m in another reality, another world. Its just gone up, look to the place where the pigeon had to be landed but shortly after pigeon disappears from my brain, I deal with things.

I have before me a wooden stockade and fixtures “place” of the Eagles completely burnt by fire, so much to be blackened smell but I wouldn’t dream of doing it. Yet even in those conditions, those Eagles are living. I see three living, then there are other parts to aquile decomposed or perhaps are their detached parts and singed. The Eagles until blackened and pens in their eyes is like if you could read “torment of Tantalus”, but are not suffering and what astounds me is the fact that I have no discomfort from the see.

This neurosensory body where I am now is “absent structural body” and more prone to nuisance due to the training of the mental system. It is like anything else, a watch and just with a discernment that establishes otherwise as you must act and evaluate. There is nothing to do specifically because everything is just as it should be and how it should be.

All this seems to be the essence of how you must involve the organic sphere on this planet, all rotting but the spirit intact. Those Eagles they carried in their all acts of conscience that had evolved earlier, brought them intact and I went by the feeling. Were living and communicated with high intensity grades.

I could involve “Dante” and a specific group of hell, but this I went to the antechamber of the brain. My body when sensorineural is outside its structure body behaves so dear. For years these special States lives and is deeply trained at these events. After this profound and intense interaction with the Eagles step further and I headed to the far away terrace from all that burned.

We saw a déjà-vu of this body, sensorineural then we saw in action totally disconnected from the physical body that was sleeping in his bed, and then we saw that what happened about “vpnc ‘ parallel experiences, that energy neurosensory native makes it happen randomly, because they are not reclamabili and you can’t manipulate to your liking as and when you would like.

Now let’s look at the “phenomenon of the beaming of Prof. Zeilinger 2012, bindable to the teleporter and science fiction of Captain Kirk and Spock Vulcan. On the web you will find references “.

The following episode is similar to the teleporter. In other similar situations lived and re-entry was always variable and it happened suddenly or slowly, or feeling the step in the physical, or as a simple awakening, or still continued to sleep and we remembered upon awakening of what had happened.

In the case where the body maneuvers, just detached from sensorineural body structure, were intense, the return was always suddenly, probably due to the great implementation of energy. It fell in an instant and we often felt “tronfi-full” of glory, but this is only a “way of saying”.

In this specific case the return happens in a manner never known before, or by myself and I suppose even by others. Should I charge this to the fact that it has assimilated a large quantity of specific knowledge of energy and it is precisely this factor to make and make me understand things you probably escape a lower floor of accumulated knowledge.

Even in the case of the great yogi-natha siddhas, they probably had access to these experiences but did not have a neurocerebral network so evolved and filled with data as we have today in most cases. So those ancient “avatar” weren’t able to report such data, in a intelligible form, but now this is possible to do so.

Back where we were, … I walk away from the Eagles, considerable of singed horror but personally I had no feeling of this kind about it. Are very far removed from the previous training of the collective mind “MCS”. Those Eagles were also alive and aware of itself and of their past life. Even as I walk away from their feel, with evidence, lessening the cohesion of my body, sensorineural and here the teleporter …

I lose cohesion and do I become infinitesimal point particles in a context such as that of the white lattugine that I use with the electromagnetic “woho” to cure my physical body and become cohesive do my sensorineural body “hisb”. While the particles and the white context lose cohesion, focus, at the same time, more and more in the physical body. This occurs between the roofterrace and two floors below where is my bed.

In one of these moments become aware of being in two places at once but as “point particles”. I’m undergoing a dual cohesion and bilocat are but disassemble me proceeding from the terrace and I meet more and more coesivamente in my physical body place lying in my bed. Yet clearly feel the difference between my being “elementary particles of pure energy” and my body structure that I’m dealing with.

At that time myself the point particles, they are still not in my physical body, then at some point particles and unify this my body particle neurosensorio retrieves all structure making me return to forever. I’m in bed wide awake, I throw on the bust and I think about how to take all that energy that I sowed.

So I move in the body and I am placing it sensorineural down the bed cross-legged as usual, but instead of opening all the “woho” necessary to the cohesion, I recruit only one white energy. I have a lot of energy of that type and use, otherwise for cohesion is necessary some time before you can move and go around.

Refer all the way and go in the terrace. There was a different empathy with the Eagles and I enjoy other aspects of the creation of my body sensorineural “hisb”, now seconded, but well linked to my physical body remained on the bed. When I get all the energy recovery of those experiences, I open one “woho” vertically and arrival in front of myself on the bed, then return as usual.

RES energy hunters know about these procedures and the “ancient energy hunters-natha siddhas yogi” would be surprised to see how they could evolve those who already knew the energy channel that had opened. They come alive in us and for this there is no need to bother the reincarnations with all their Hells and heavens be status.

An important reminder for energy developments is the so-called “sense of beauty”, which is not a stereotyped product and is outside the context of the training of the MCS. The sense of beauty is beyond any condition and beyond previous evaluation and is not located nor at first glance or two (not disturbing the vital centre of man according to Zen Buddhism: hara).

The sense of beauty is always in front of those who want to see. A friend recently told me that when he was in nature, felt trees and the essence of this planet and also said that small had always near a horse and a feline, unfortunately he said and led by a doctor to heal her from hallucinations. I have no doubt that, that child will become in the future a good professional and a talented psychologist. Will everyone to watch movies where a child sees with its elements of fantasy and imagination. See them really because it is able to create them with the power of its energy not yet cut short totally by mental collective system “MCS”, that will train he gradually and progressively.

The sense of beauty is the sense of the original energy in action and behaves different everywhere, with signs of beauty quite clear, that can be seen and perceived by all those who are for a moment free from their mental oppression. It is a return to feeling that “strikes in” and would be enough to think about the return of the opposite, the sense of “unpleasant” to begin to make a proper evaluation. It is a fact that both collective and also staff, and over there it evolves to more energy it becomes pure, clear and observable.

It’s enough to have itself the idea of the core of energy in this universe because formed before the bodies to accompany then to evolve to energy directly. It is the nucleus that RES distinguishes in fantasy-imagination-creativity. The extension of this energy fielded by human organisms, produces the possibility of projection, location and creation of another plan of phenomenal existence.

mandala01 buddhismo vajrayana tantricoJust what did the “ancient avatar natha-siddha yogi” when they discovered helpful techniques for this purpose in the use of yantra of Hinduism needed to conceive knowledge of sound without sound and vibratory nature exclusive. Along with yantra those yogi in Tibet, effectively used the mandala of the Tibetan Tantric Vajrayana Buddhism. The Vajrayana is an extension of Mahayana Buddhism which later produced the Japanese Zen for stopping Shinto hegemony.

The yantra-mandala were used to train to go out of the body with the views and the production loss of sound (“deva” yantra was used for this purpose, while the mandala with colors and shapes were used for the Visual part). The mandala was carefully prepared by practitioners, who pondered the vision during construction, then destroy it straight after.

The purpose of this, apparently, was to capture the knowledge of how nature acts in this planet and to assess that the only sensible thing to do would have been to avoid a deep connection with the body, even in a temple as it was been looking out.

Those Yogis are training to yantra-mandala (use of sound without sound, yantra, and the vision to pass over, mandala) then moved with all their being in other planes of phenomenal existence on the type of the “siddha-loka, the place that the siddha yogi-employed to meditate.”

Those ancient energy hunters opened the way but surely others did before them and still others will do after us that we are their successors. Those ancient Yogis are not so far and the energy-hunters RES (modern natha Yogis-siddha), with procedures and vastly more advanced data can reach them in a moment, out of time and space.

Those ancient friends, are here with us, invaluable guides always and forever, as we moderns yogi to others we are more advanced in this universe whose dual force gravitational-expansionary stops ever.

thColori universoESPERIENZA DEDICATA A TUTTI GLI AMICI RES E AI SUOI CACCIATORI DI ENERGIA.
Italian text. Titolo: Tutto quello che si possa considerare oltre le esperienze neurosensoriali, anche bilocate, più o meno conosciute. Fatti anomali di accadimenti rari di vissuto parallelo e di doppio corpo sia completamente esente da un cosciente collegamento con l’organismo fisico, che al contrario assolutamente cosciente.

Tema delle esperienze collegate:
1)déjà-vu del corpo doppio di sola natura neurosensoriale;
2)vissuti paralleli neurosensoriali casuali “vpnc” combinati con il corpo doppio;
3)fenomeno del beaming del prof. Zeilinger con teletrasporto alla StarTrek “eccezionale esperienza”.
NB: Tutto energeticamente e neurosensorialmente vivido e reale tanto da poterne riportare le esperienze per totale beneficio.

-Non ho alcuna voglia di alzarmi dal letto questa mattina perché sto effettuando molti sogni.
-Sono sogni vividi come nella vita ordinaria con fatti e persone conosciuti solo nel sogno ma sconosciuti nella vita di tutti i giorni.
-Il sogno porta un visssuto parallelo molto lungo, che non corrisponde affatto al tempo ordinario di quello che si è sognato.
-Si svolge tutto fino alle ore 11.00 del mattino, ma in linea di tempo corrispondente si tratta di vari giorni e di molte ore per ogni giorno.
-E’ la dimensione dell’energia originaria dove il tempo-spazio è compresso e lo possiamo sviluppare solo in linea di comparazione con la vita di tutti i giorni. In questi casi si dovrebbe impiegare come unità di misura la sola intensità per gradi, perché le altre peculiarità dell’energia non sono operative.
-Però sono operative le operazioni trasferibili come proprietà e con essi si possono quantificare gli accadimenti.

Eviterò accuratamente di fare manovre confuse con regole e leggi della fisica teorica e quantistica, perchè in questo caso provocano solo una grande massa di “enganglement” con l’inevitabile oscuramento della conoscenza specifica dei fatti, che in questo specifico caso, è molto semplice da assimilare.

Verso la fine di un sogno lucido, ero da poco salito su un autobus di linea, molto bello e grande ed anche con poca gente. La visione era molto vivida e tutti gli interni dell’autobus erano nuovi e lucidi. Le barre di metallo erano lisce al tatto e consentivano di mantenere la prese, ma allo stesso tempo con una lieve modifica della contrazione della mano scivolavano via.

In sostanza ero sommerso da sensazioni amplificate e piacevoli, proprio quelle sensazioni che i sogni abituali negano, a causa del nocivo intervento della mente di sistema collettivo “MCS” che devia dal proprio reale stato di essere percettivi, per inserire una enorme quantità di fatti inutili all’evoluzione individuale energetica. Fatti sempre quanto mai assurdi e creduti importanti del cui valore nessuno potrà mai esserne realmente cosciente.

Dopo aver goduto del pacchetto di sensazioni dovute all’autobus, mi trovo sul terrazzo della mia attuale abitazione, ma non ci faccio caso. Da questo punto di osservazione guardo in giro e vedo un piccione nell’altro terrazzo vicino. Il piccione spicca il volo e va verso la parte soprastante del mio terrazzo che è coperta di pannelli solari posti posizione obliqua, un fatto che mi costringe spesso a fare gli slalom.

Mando sempre via i piccioni perché in passato i loro escrementi mi hanno portato a contrarre una malattia importante. Comunque sono i piccioni che mi hanno insegnato come prendere l’energia-extra dalla nostra stella, ma questa è un’altra storia che potrete leggere in altro articolo della categoria “Practices”.

Mentre salto su una scala di 15 scalini per andare nella zona soprastante, mi rendo conto che è successo qualcosa. Normalmente la scala supera il livello della zona soprastante, mentre in questo caso lo non fa e mi devo tirare su a forza di braccia. Valuto che la scala sia scivolata o che si sia spostata per il forte vento che è spesso presente in questa zona di mare e proprio mentre salgo vado fuori dal tempo. In quel lungo istante senza tempo si snoda un lungo déjà-vu.

Mentre salgo su una scala di ben 15 scalini per andare nella zona soprastante, mi rendo conto che è successo qualcosa. Normalmente la scala supera il livello della zona soprastante, mentre in questo caso non lo fa e mi devo tirare su a braccia. Penso prima che la scala sia scivolata o che si sia spostata per il forte vento che spesso accade in questa zona di mare. Ed è proprio mentre salgo che vado fuori dal tempo. In un momento si snoda un lungo deja-vu.

Rivedo lo stesso identico fatto già accaduto in un evento precedente avuto con il mio corpo neurosensoriale, in piena lucidità e coscienza altamente intensa. Un fatto che al momento avevo dimenticato. Anche quella era stata un’esperienza esaltante, dove la scala era leggermente spostata a sinistra, mentre nell’atto presente era come più corta, però l’accaduto era esattamente simile sino dalla partenza. Rivedo quello stupendo fatto energetico perché avere a che fare con il doppio corpo neurosensorio staccato interamente dall’organismo è sempre esaltante e oltretutto personalmente so come catturarne l’energia, quindi più avanti ve ne darò una prova.

Questo lungo tempo di deja-vu, quindi rivisto, si risolve e un attimo dopo salgo sul terrazzo, ma mentre salgo arriva un brivido. Il brivido che contraddistingue i sogni dove si è totalmente coscienti che la vita ordinaria, sia in realtà soltanto una messa in scena di un altro tipo di realtà. Sono in questo doppio neurosensoriale e sorrido sapendo che il mio corpo fisico sta più o meno dormendo al piano di sotto nel letto. In questo momento sono staccato totalmente e l’attività di coscienza è neurosensorialmente da questa parte dove vive ed è operativa senza avere corpo fisico.

Salgo con questo corpo libero come l’aria, coeso e vivido come non mai e anche tutto il resto è vivido e coeso: l’ambiente, i colori, le cose che tocco e che vedo, che odoro con il gusto di essere e di esserci.
Appena sopra sulla terrazza soprastante, mi si presenta una scena di un altro mondo. Infatti fino a quel punto tutto era logico e simile alla vita ordinaria, mentre appena salito tutto diviene diverso. L’interno del terrazzo dove sono salito si presenta con una sua realtà separata dal contesto ordinario, mentre il resto, i contorni, la grandezza, le strutture adiacenti, il mare e le colline sono splendidamente al loro posto, vivide e coese.

Sono quindi all’interno di questo grande terrazzo soprastante la mia abitazione di ben 500mq., disseminato in origine da pannelli solari. Ora però sono in un’altra realtà, in un altro mondo. Proprio appena salito, guardo verso il luogo dove il piccione doveva essere atterrato ma subito dopo il piccione sparisce dal mio cervello, mi devo occupare di altro.

Ho davanti a me degli steccati di legno e vi sono infissi “posizionate” delle aquile completamente bruciate dal fuoco, quindi annerite tanto da poterne sentire l’odore ma non mi sogno di farlo. Eppure anche in quelle condizioni, quelle aquile sono viventi. Ne vedo viventi tre, poi ci sono altre parti di aquile decomposte o forse sono le loro parti staccate e bruciacchiate. Le aquile annerite fino alle penne e nei loro occhi è come se si potesse leggere il “supplizio di tantalo”, ma non sono affatto sofferenti e quello che mi sbalordisce è il fatto che non ho alcun disagio da quel vedere.

Questo corpo neurosensoriale dove ora mi trovo è “assente di organismo strutturale” e non e più soggetto alle nocività dovute all’addestramento del sistema mentale collettivo. Si tratta come ogni altra cosa, di un vedere e basta con un discernimento che stabilisce in altro modo come si deve agire e valutare. Non c’è nulla da fare nello specifico perché tutto è proprio come deve essere e come deve restare.

Tutto questo sembra essere proprio l’essenza di come si deve comportare la sfera organica su questo pianeta, tutto in decomposizione ma lo spirito intatto. Quelle aquile portavano in loro tutti gli atti di coscienza che avevano evoluto in precedenza, li portavano intatti e me ne passavano la sensazione. Erano viventi e comunicavano con gradi di elevata intensità.

Avrei potuto coinvolgere Dante e uno specifico girone dell’inferno, ma questo non mi è passato neppure per l’anticamera del cervello. Il mio corpo neurosensoriale quando è fuori dal proprio organismo di struttura si comporta in modo egregio. Sono anni che vive questi stati speciali e si è profondamente addestrato a questi eventi. Dopo questa profonda ed intensa interazione con le aquile passo oltre e mi dirigo verso la parte lontana del terrazzo allontanandomi da tutto quel bruciato.

Abbiamo visto un déjà-vu di questo corpo neurosensoriale, poi lo abbiamo visto in azione scollegato totalmente dal corpo fisico che era dormiente nel suo letto, quindi abbiamo visto che quello che è accaduto riguarda dei “vpnc” vissuti paralleli neurosensoriali, che l’energia originaria fa accadere in modo casuale, perché non sono reclamabili e non si possono manipolare a proprio piacimento come e quando lo si vorrebbe.

Ora diamo un’occhiata al “Fenomeno del beaming del Prof. Zeilinger 2012, associabile al teletrasporto e alla fantascienza del capitano Kirk e del vulcaniano Spock. Nel web troverete i riferimenti ”.

L’episodio che segue è simile al teletrasporto. In altri vissuti e situazioni simili il rientro era sempre variabile e accadeva di botto, oppure dolcemente, oppure sentendo il passaggio nel fisico, oppure come un semplice risveglio, oppure ancora si continuava a dormire e ci si ricordava al risveglio di quello che era accaduto.

Nel caso invece in cui le manovre del corpo neurosensoriale, staccato dal proprio organismo di struttura, erano intense, il rientro accadeva sempre improvvisamente, probabilmente dovuto alla grande messa in opera di energia. Si rientrava in un attimo e ci si sentiva spesso tronfi di gloria, ma questo è solo un “modo di dire”.

In questo specifico caso il rientro accade in un modo mai conosciuto prima, né da me medesimo e suppongo neppure da altri. Devo addebitare questo al fatto di aver assimilato una grande quntità di conoscenza specifica dell’energia ed è proprio questo fattore a rendere e farmi comprendere cose che probabilmente sfuggono ad un piano inferiore di conoscenza accumulata.

Anche nel caso dei grandi yogi natha-siddha, essi avevano probabilmente accesso a queste esperienze ma non avevano una rete neurocerebrale così evoluta e piena di dati come oggi possiamo vantare nella maggior parte dei casi. Cosicché quegli antichi “avatar” non erano in grado di riportare dati di questo tipo, in una forma intelligibile, ma ora questo è possibile farlo.

Tornando dove eravamo, …mi allontano dalla zona delle aquile bruciacchiate, considerabile di raccapriccio ma personalmente non avevo alcuna sensazione di questo tipo al riguardo. Sono quanto mai avulso dal precedente addestramento della mente collettiva di sistema “MCS”. Quelle aquile inoltre erano vive e coscienti di se e del loro passato di vita. Proprio mentre mi allontano da loro sento, con evidenza, scemare la coesione del mio corpo neurosensoriale, ed eccoci al richiamo del teletrasporto…

Perdo coesione e mi trasformo in infinitesime particelle puntiformi in un contesto bianco come quello della lattugine elettromagnetica che utilizzo con gli “woho” per curare il mio corpo fisico e fare divenire coeso il mio corpo neurosensoriale “hisb”. Mentre le particelle e il contesto bianco perdono coesione, si concentrano, al contempo, sempre di più nel corpo fisico. Questo fatto avviene tra il terrazzo soprastante e due piani sotto dove si trova il mio letto.

In uno di questi momenti divengo consapevole di essere nei due posti contemporaneamente ma come “particelle puntriformi”. Sto subendo una coesione duplice e sono bilocato ma procedendo mi disassemblo dal terrazzo e mi raduno sempre più coesivamente nel mio corpo fisico posto steso nel mio letto. Eppure sento chiaramente la differenza tra il mio essere “particelle elementari di pura energia” e il mio corpo di struttura che sto occupando.

In quel momento sono io stesso le particelle puntiformi, sono in esse e non ancora nel mio corpo fisico, poi ad un certo punto le particelle si unificano e questo mio corpo neurosensorio di particelle recupera tutta la struttura facendomi tornare quello di sempre. Sono nel letto completamente sveglio, mi tiro su con il busto e penso a come fare per prendere tutta quell’energia che ho seminato.

Cosicché mi sposto nel corpo neurosensoriale e mi posiziono in fondo al letto a gambe incrociate come al solito, ma invece di aprire tutti gli “woho” necessari alla coesione, recluto soltanto un’energia bianca elettromagnetica. Ho molta energia di quel tipo e la impiego, altrimenti per la coesione è necessario un certo tempo prima di potersi spostare ed andare in giro.

Rifaccio tutto il percorso e rivado nel terrazzo. Formo una empatia diversa con le aquile e mi godo altri aspetti della creazione del mio corpo neurosensoriale “hisb”, ora distaccato, ma collegatissimo al mio corpo fisico rimasto sul letto. Quando scendo recupero tutta l’energia di quelle esperienze, apro uno “woho” in verticale e arrivo davanti al me stesso sul letto, quindi rientro come al solito.

I cacciatori di energia RES conoscono queste procedure e gli “antichi cacciatori di energia natha-siddha yogi” sarebbero sorpresi di vedere come avrebbero potuto evolvere quelle che già conoscevano nel canale di energia che avevano aperto. Essi rivivono in noi e per questo non c’è affatto bisogno di scomodare le reincarnazioni con tutti i loro inferni e paradisi di stato di essere.

Un ricordo importante a fini dell’evoluzione energetica è il cosiddetto “senso del bello”, che non un prodotto stereotipato ed è fuori dal contesto dell’addestramento dell’MCS. Il senso del bello va oltre ogni condizione e oltre ogni valutazione precedente e non si trova né alla prima occhiata né alla seconda (per non scomodare il centro vitale dell’uomo secondo il buddismo Zen: hara).

Il senso del bello è sempre davanti a chi lo vuole vedere. Un’amica recentemente mi diceva che quando era nella natura, sentiva gli alberi e l’essenza di questo pianeta e diceva pure che da piccola aveva sempre vicino un cavallo e un felino, purtroppo lo disse e la portarono da un medico per guarirla dalle allucinazioni. Non ho alcun dubbio che quella bambina diverrà in futuro una valida professionista e una valente psicologa. Capiterà a tutti di assistere a dei film dove un bambino vede degli elementi con la sua fantasia ed immaginazione. Li vede realmente perché è in grado di crearli con la potenza della sua energia non ancora decurtata totalmente dal sistema mentale collettivo che lo addesterà gradualmente e progressivamente.

Il senso del bello è il senso dell’energia originaria in azione e si comporta in modo diversificato ovunque, con indicazioni della bellezza molto chiare, che possono essere viste e percepite da tutti coloro che si trovano per un attimo liberi dalle loro oppressioni mentali. Si tratta di un ritorno di sensazione che “colpisce dentro”, e sarebbe sufficiente pensare al ritorno dell’opposto, al “senso dello sgradevole” per iniziare ad effettuare una corretta valutazione. E’ un fatto sia collettivo che personale e più ci si evolve all’energia più essa si fa pura, limpida e riscontrabile.

E’ sufficiente avere in se l’idea del nucleo di energia immesso in questo universo perché formasse prima gli organismi per poterli accompagnare poi ad evolversi all’energia direttamente. E’ il nucleo che RES distingue in fantasia-immaginazione-creatività. L’estensione di questa energia messa in campo da organismi umani evoluti, produce la possibilità di proiezione, posizione e creazione di un altro piano di esistenza fenomenica.

mandala01 buddhismo vajrayana tantricoProprio quello che fecero gli “antichi avatar natha-siddha yogi” quando scoprirono tecniche utili a questo fine nell’uso degli yantra dell’hinduismo necessari a concepire la conoscenza del suono in totale assenza di suono e di esclusiva natura vibratoria. Insieme agli yantra quegli yogi, in Tibet, impiegarono efficacemente i mandala del buddismo Vajrayana tantrico tibetano (estensione del buddismo Mahayana che successivamente produsse lo Zen giapponese interrompendo l’egemonia shintoista).

Gli yantra-mandala venivano impiegati per addestrarsi ad andare fuori dall’organismo con le visualizzazioni e la produzione neurosensoriale del suono (il “deva” dello yantra serviva a questo scopo, mentre il mandala con cerchio colori e forme era impiegato per la parte visiva). Il mandala veniva preparato scrupolosamente dai praticanti riuniti, che ne meditavano la visione durante la costruzione, per poi distruggerlo subito dopo.

Lo scopo di questo fatto, apparentemente anomalo, sarebbe stato quello di acquisire la consapevolezza di come agisce la natura in questo pianeta e di far valutare che l’unica cosa sensata da fare sarebbe stata quella di evitare un profondo legame con l’organismo strutturale, pur nell’accudirlo come fosse un tempio.

Quegli yogi si addestravano agli yantra-mandala (utilizzo del suono senza suono, yantra, e della visione per passare oltre, mandala) poi si spostavano con tutto il loro essere in altri piani dell’esistenza fenomenica sul tipo del “siddha-loka, il posto che gli yogi-siddha impiegavano per andare a meditare”.

Quegli antichi cacciatori di energia aprirono la strada ma sicuramente altri lo fecero prima di loro e ancora altri lo faranno dopo di noi che siamo il loro successori. Quegli antichi yogi non sono così lontani e i cacciatori di energia RES (moderni yogi natha-siddha), con procedure e dati enormemente più evoluti possono raggiungerli in un attimo, fuori dal tempo e dallo spazio.

Quegli antichi amici, sono qui con noi, guide inestimabili da sempre e per sempre, come noi moderni yogi lo saremo per altri ancora più evoluti, in questo universo la cui forza duplice gravitazionale-espansiva non si arresterà mai.

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>