RES RIVOEVOSOFIA 5.7.2015 “EvolutionEnergyProject” EXPERIENCE DEDICATED TO ALL RES-FRIENDS AND HIS ENERGY-HUNTERS.


English-Italian (cover…”Other worlds where exist just like we are, are possibilities?)

Great music-video: STING & CHEB MAMI – DESERT ROSE

 

15 - 1 Grande Lobo (arte grafica) Jose Henrique lastsharedEXPERIENCE DEDICATED TO ALL RES-FRIENDS AND HIS ENERGY-HUNTERS.

English text. Title: parallel universes really exist? That there are chances that the Ruminations of cosmological researchers may have a basis in reality? It is certainly possible that the only scientific factor of astronomical and cosmological research could deliver such a hypothesis!

If you are not convinced by what was said in the title, then reflect on the experience well RES comes below, then make assessments, but hold on tight, your brain might make you hoaxes. The latter is obviously a joke, but the event that is described for some could be disturbing.

Everything happens immediately after completing the editorial page in two languages of long experience deafness had during April c.a.. Basically happens in the middle of the day 2.7.2015 about 36 hours away from previous work.

In this period are present every morning at dawn, and then I energy load of various types, as I explained many times on other occasions. That energy that allowed me to reinstall the previous work, it throws me, so to speak, with all shoes, within another awesome experience of “separate reality”.

speak as a separate reality, because “virtual or augmented reality” is another thing, and this fact is understood well during the explanation. Separate reality based on the assumption of a separate universe, where they could be doing different things, maybe even only slightly different, but not identical, even though the events take place in the same rooms (totally).

am lying on my couch and I’m watching a movie on television. At one point, absolutely without realizing it, my focus on the plot of the film becomes more concentrated. One guy thinks of torture in an exemplary way and another dude spends a lot of time to prepare the instruments of torture.

Eventually, the villain…, looks satisfied the last nifty tool with which should blind the poor guy tied to a Chair. It is a circle of metal the size of an eye, in which pass a hot tip with the purpose of blinding, remove the view the subject with lots of burned and smells like fried.

I think that much is a movie and that soon everything will stop or at least will see through that torture, but something tells me it won’t, then when the guy is going to start with the eyes, I decide to close my eyes, to avoid giving in my neural network in fact harmful.

Said and done I close my eyes, then I open them and I realize after a while that the big-screen television in front of me is projecting another film. With a little effort I remember started to see that movie, but I have no conscience when I switched to another that I guarantee you have followed from the beginning.

At that moment I remember that when I closed my eyes, not to see torture, I happened on a strange event. I sensed a subtle vibration but light and not identifiable at that time, very different from those I had known previously during sensorineural navigation events.

So I had not noticed their changed state of being. Basically I had not even noticed their changed status to be an hour before. I was passed without realizing it in a separate reality with body, environment, including film and television.

I was passed from one universe to another and I had enjoyed another film followed almost from the beginning to the end? A movie that I remember in more events, but also in many small parts, especially those of the final part.

If I were a scientist, astrophysicist but I’m not, I would not doubt that parallel universes exist. I had many other experiences like this, even if this experience has had a touch more powerful, more intense and more. Some had me asleep for fatigue, without renderse into account, just as he was seeing some movie with absolute attention and interest and was not aware of the loss of the plot of the film. Another me had taken control of another movie in a separate reality, in the same environment and in front of the same television.

I’m obviously confident that the other me, I was always me, so now the readers who have followed this editorial page, have a lot of data to form hypotheses about the possibility of parallel universes exist, just as researchers indicate them: a “multiverse” with stars and worlds on worlds similar to each other, with infinite possibilities and infinite variables, which are sometimes very , very close to ordinary reality we all know.

In a television series “Fringe” a girl “Dana-Olivia: it is called differently according to the universe of belonging”, is able to move between the two parallel universes where each of them has a double with a different life and the girl can do this because it has been prepared, as a child, by unscrupulous scientists, with powerful drugs that have neurosensoriality ready to step.

Currently in the television series “Focus” presented children who call “hybrids”. These children are able to cancel the ordinary reality also remaining daydreams and visions into other States of being and other realities. An adult repeatedly passed his hand before the eyes of the little girl up and mail it, the little girl, it was as if I saw them.

They said that these “hybrids” will be prepared with the technology of augmented reality or “virtual reality” and become an interesting heritage of human evolution. The fact is that children who are probably well prepared, will also be used in some specific way, for at the moment unclear.

RES-friends we liked this editorial? Probably will elicit a good time for reflection, not get from “sense of beauty” and think only the evolutionary potential of the human species that eventually will push all those who will have to evolve beyond its energy body.

In fact it appears very clear that we can be deeply aware without structure and body now I urge everyone not to fall into traps of already known, said and did, giving the field a series of absurdities from which it would be good to remove your brain.
Everything that is currently in the human skull, on these topics, it is not for nothing and everything will be healthy and will have to be evoluted. Children, future adults, will leave soon and the old assumptions and the aberrant “mentalisms”, with good chances, the entire human race is still held. Assumptions, beliefs and faiths, that will be destroyed by a superior intelligence, data-rich, like never before.

Children say force with YogaRES. It’s a period of great inner evolution and humanities, needed to fight wars and decay, just as our great religious-leaders are indicating, exhorting the masses to the sense of beauty, fantasy, imagination and creativity.

27.03.2015 - 1 Raissa Petrova originally sharedESPERIENZA DEDICATA A TUTTI GLI AMICI RES E AI SUOI CACCIATORI DI ENERGIA.

Italian text. Titolo: Gli universi paralleli esistono realmente? Che probabilità ci sono che le elucubrazioni dei ricercatori cosmologici possa avere un fondamento di realtà? Non è certo possibile che il solo fattore scientifico della ricerca astronomica e cosmologica abbia potuto partorire una simile ipotesi!!

Se non siete convinti di quanto detto nel titolo, allora riflettete bene sull’esperienza RES che arriva qui di seguito, poi fate delle valutazioni, ma tenetevi stretto il vostro cervello, potrebbe farvi degli scherzi. Ovviamente quest’ultima è una battuta di spirito, ma l’evento che viene descritto per alcuni potrebbe essere inquietante.

Tutto accade subito dopo aver completato il redazionale in due lingue della lunga esperienza neurosensoriale avuta nel periodo di aprile c.a.. In sostanza accade al centro del giorno 2.7.2015 a circa 36 ore di distanza dal lavoro precedente.

In questo periodo sono presente ogni mattina all’alba e quindi mi carico di energia di vario tipo, come ho spiegato molte volte in altre occasioni. Proprio quell’energia che mi ha consentito di mettere a posto il precedente lavoro, mi getta, per modo di dire con tutte le scarpe, all’interno di un’altra impressionante esperienza di “realtà separata”.

Ne parlo come di una realtà separata, perché la “realtà aumentata o virtuale” è un’altra cosa e questo fatto verrà compreso bene durante la spiegazione. Realtà separata sulla base delle ipotesi di un universo separato, dove poter esistere facendo delle cose diverse, magari anche solo leggermente diverse, ma comunque non identiche, anche se gli accaduti avvengono negli stessi ambienti (totalmente simili).

Sono sdraiato sopra il mio divano e sto guardando un film alla televisione. Ad un certo punto, senza assolutamente rendermene conto, la mia attenzione sulla trama del film si fa più concentrata. Un tizio pensa di torturare in modo esemplare un altro tizio e passa molto tempo a preparare degli strumenti di tortura.

Alla fine, il cattivo…, guarda soddisfatto l’ultimo ingegnoso strumento con il quale dovrebbe accecare il poveretto legato ad una sedia. Si tratta di un cerchio di metallo della grandezza di un occhio, in cui far passare un puntale rovente con lo scopo di accecare, togliere la vista al soggetto con tanto di bruciato e puzza di fritto.

Penso che tanto è un film e che tra poco tutto si interromperà o comunque non faranno vedere fino in fondo quella tortura, ma qualcosa mi dice che non sarà così, allora quando il tizio si appresta ad iniziare con lo strumento degli occhi, decido di chiudere i miei per evitare di imprimere nella mia rete neurale un fatto nocivo di questo genere.

Detto fatto chiudo gli occhi, poi li riapro e mi rendo conto dopo poco, che la televisione a grande schermo posta davanti a me sta proiettando un altro film. Con un poco di sforzo ricordo di aver iniziato a vedere proprio quel film, ma non ho coscienza di quando sono passato all’altro che vi garantisco aver seguito sin dall’inizio.

In quel momento ricordo che quando ho chiuso gli occhi, per non vedere la tortura, mi è accaduto un evento strano. Ho percepito una vibrazione sottile ma leggera e in quel momento non identificabile, molto differente da quelle che avevo conosciuto in precedenza durante eventi di spostamento neurosensoriale.

Cosicché non mi ero accorto di aver cambiato stato di essere. In sostanza non mi ero neppure accorto di aver cambiato stato di essere un’ora prima. Ero passato senza accorgermene in una realtà separata con corpo, ambiente, televisione e film compresi.

Ero passato da un universo all’altro e avevo goduto di un altro film seguito dall’inizio fin quasi alla fine? Un film che ricordavo negli eventi maggiori, ma anche in tanti piccoli particolari, specialmente quelli della parte finale.

Se ora io fossi un ricercatore astrofisico, ma non lo sono, non avrei dubbi che gli universi paralleli esistono. Ho avuto molte altre esperienze simili a questa, anche se la presente esperienza ha avuto un tocco più potente, più intenso e più separato. Un certo me si era addormentato per la stanchezza, senza renderse conto, proprio mentre stava vedendo un certo film con assoluta attenzione ed interesse e non si era accorto della perdita della trama del film. Un altro me aveva preso il controllo di un altro film in una realtà separata, nello stesso ambiente e davanti alla medesima televisione.

Io sono ovviamente certo che quell’altro me, ero sempre io, quindi adesso i lettori che hanno seguito questo redazionale, hanno molti dati per formare delle ipotesi sulle possibilità che degli universi paralleli esistano, proprio come i ricercatori li indicano: un “multiverso” con tanto di stelle e mondi su mondi simili, gli uni agli altri, con infinite possibilità e infinite variabili, che a volte sono molto, molto vicine alla realtà ordinaria che tutti noi conosciamo.

In un serial televisivo “Fringe” una ragazza “Dana-Olivia: si chiama in modo differente secondo l’universo di appartenenza”, è in grado di spostarsi tra i due universi paralleli dove ognuno di loro ha un suo doppio con una vita differente e la ragazza può fare questo perché è stata preparata da piccina da scienziati senza scrupoli, che con potenti farmaci l’hanno neurosensorialmente predisposta al passaggio.

Attualmente nel serial televisivo “Focus” hanno presentato dei bambini che chiamano “ibridi”. Questi bambini sono capaci di annullare la realtà ordinaria anche rimanendo ad occhi aperti ed entrare nelle visioni di altri stati di essere e di altre realtà separate. Un adulto passava ripetutamente la mano davanti agli occhi della bambina posta in piedi e essa, la bambina, era come se non lo vedesse.

Hanno detto che questi “ibridi” verranno preparati con la tecnologia informatica della “Realtà Aumentata o Realtà Virtuale” e diverranno un patrimonio interessante di evoluzione umana. Il fatto è che probabilmente bambini che vengono così preparati, verranno anche impiegati in qualche modo specifico, per scopi al momento poco chiari.

Amici RES, vi è piaciuto questo redazionale? Probabilmente susciterà un buon momento di riflessione, non toglietevi dal “senso del bello” e pensate solo al potenziale evolutivo della specie umana che alla fine spingerà tutti quelli che si disporranno ad evolversi energeticamente oltre il proprio organismo.

Infatti appare molto chiaro che possiamo stare profondamente coscienti senza organismo di struttura ed ora esorto tutti a non cadere nei tranelli del già conosciuto, del già detto e del già fatto, dando campo ad una serie di assurdità da cui sarebbe bene allontanare il proprio cervello.

Tutto quello che ha attualmente dentro il cranio la specie umana, su questi argomenti, non è per nulla salubre e tutto sarà e dovrà essere evoluto. I bambini, futuri adulti, lo faranno e abbandoneranno presto le vecchie ipotesi e gli aberranti mentalismi di cui, con buona probabilità, l’intera specie umana è ancora posseduta. Ipotesi, credenze e fedi, che verranno abbattutte da un’intelligenza superiore, ricca di dati, come mai prima d’ora.

Ai bambini diciamo forza con YogaRES. E’ un periodo di grande evoluzione interiore e umanistica, necessaria a combattere il degrado e le guerre, proprio come i nostri grandi capi religiosi stanno indicando, esortando le masse al senso del bello, alla fantasia, all’immaginazione e alla creatività.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>